Ancora sul caso Fondazione Giacometti-John Baldessari

[Su alfabeta2 di aprile Raffaella Perna ha riferito delle opere di John Baldessari ispirate ad Alberto Giacometti ed oggetto di controversia. Exibart.tv ha pubblicato una videointervista al curatore della mostra Germano Celant e The Indipendent ha una galleria fotografica delle opere contestate. Abbiamo chiesto all’autrice un approfondimento che pubblichiamo qui.]

Raffaella Perna

Controversie legali incentrate sulla nozione di plagio come quella attualmente in corso tra la Fondazione Giacometti di Parigi e l’artista californiano John Baldessari (si veda il n. 8 di “Alfabeta2”) rendono evidente l’intrinseco disagio nell’elaborare e nell’esplicitare una possibile definizione d’arte, valida a livello critico, filosofico, giuridico. Leggi tutto “Ancora sul caso Fondazione Giacometti-John Baldessari”

MSUBP

Marco Giovenale

ho – hai – ha iniziato a leggere i testi che ti inoltravo oggi.

alcuni dei testi di ***.

usa addirittura il noi.

usa il s’. usa anche il d’. ovviamente.

è pieno di io dovunque, è infestato.
alla fine sentivo formicolare dappertutto.

torno subito, bevo un sorso d’acqua.

stavo dicendo.

in ogni caso

mi sembra una brava persona ma forse vedo alcune analogie (testuali) con ***.
mi sembra una brava persona, come ***, ma freno e vado prudente.
mi sembra una brava persona, dobbiamo dire qualcosa.
mi sembra una brava persona, dobbiamo dire qualcosa? Leggi tutto “MSUBP”

La serena nostalgia

Michele Emmer

Still ist mein Herz, und harret seiner Stunde!
Die liebe Erde allüberall
blüht auf im Lenz und grünt
Aufs neu! Allüberall und ewig
blauen licht die Fernen!
Ewig… ewig….
(Tace il mio cuore e attende con ansia la sua ora!
La cara terra dovunque
fiorisce in primavera e verdeggia
sempre di nuovo. Dovunque, eternamente
d’azzurro s’illuminano i lontani orizzonti!
Eternamente…eternamente…”)

Le parole conclusive dell’ultima lirica di Der Abschied (l’addio)  de Das Lied von der Erde (il canto della terra) di Gustav Mahler, del 1908. “Il canto della terra è la musica più personale che io abbia mai scritto”,  Mahler all’amico Bruno Walter, il famoso direttore d’orchestra che diresse la prima assoluta del Canto della terra dopo la morte del compositore. Rassegnazione, presagio della fine, sinfonia ma senza la numerazione della altre sinfonie di Mahler. Leggi tutto “La serena nostalgia”