DOCUMENTO CONCLUSIVO

Sabato 8 gennaio 2011, ROMA, in un affollatissimo locale del quartiere San Lorenzo, il Beba Do Samba, si è tenuta, di fronte a una platea di oltre 200 persone, la seconda Assemblea nazionale di “Calpestare l’oblio”, a cui hanno preso parte poeti giunti da tutta Italia, giornalisti come Pietro Spataro (vice-direttore dell’Unità), Angelo Mastrandrea (vice-direttore del Manifesto), Donatella Coccoli (direttore di Left-Avvenimenti), i collettivi universitari Abbiamo fame di cultura” (Studi Orientali), Coordinamento K5, la rete di collettivi auto-organizzati Ateneinrivolta”, i registi Beppe Gaudino e Isabella Sandri, Christian Sesena (CGIL), Matteo Orfini (responsabile culturale del PD), Stefania Brai (responsabile culturale PRC), Danilo Borrelli (Giovani Comunisti), rappresentanti del movimento dei lavoratori dello spettacolo MOVEM09 e del Network delle facoltà ribelli UNIRIOT, e Nichi Vendola.

Nato come opera poetica di impegno civile nel novembre 2009, capace di attirare l’attenzione non solo degli addetti ai lavori ma dei maggiori media nazionali, dall’8 gennaio 2010 “Calpestare l’oblio” si è auto-organizzato in un vasto movimento spontaneo di rivolta generale contro quello che i promotori hanno definito il “trentennio dell’interruzione culturale” e della “rimozione della coscienza critica”.

A un anno di distanza, dopo  una serie di iniziative tenute in tutta Italia, i curatori del progetto Davide Nota (rivista La Gru), Fabio Orecchini (rivista Argo e Beba Do Samba) e Valerio Cuccaroni (rivista Argo) hanno cercato di tirare le fila e, al termine di oltre quattro ore di discussione ininterrotta, l’Assemblea si è accordata su alcuni punti chiave:

–      unire le lotte di studenti, ricercatori, precari della scuola, operatori del mondo dello spettacolo, giornalisti, metalmeccanici;

–      promuovere un’arte “contaminata”, ovvero un’arte che non solo racconti il presente, ma cammini nel presente e lotti per un futuro migliore;

–      istituire un osservatorio sulla questione culturale italiana, un luogo aperto di incontro per una pluralità gravida di domande e orfana di risposte: scrittori e piccoli editori, attori registi e produttori, teatranti, artisti e operatori culturali in genere, studenti, ricercatori e insegnanti;

–      promuovere un referendum abrogativo della Legge Gelmini, da associare a quello sull’Acqua e sul collegato lavoro, convocando tutti i partiti del centro-sinistra attorno a un tavolo comune per discutere e raticare;

–      chiedere al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano di accompagnare le dichiarazioni sull’emergenza giovani con concrete sollecitazioni al Governo di centro-destra perché attinga i fondi necessari alla cultura dall’evasione fiscale, affinché non venga lasciato quest’onore solo e sempre al centro-sinistra.

La serata è continuata con le letture dei poeti di “Calpestare l’oblio” e altri che hanno aderito spontaneamente al progetto, i concerti del gruppo Pane e del fondatore del Canzoniere del Lazio Piero Brega.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

I poeti in rivolta di “Calpestare l’oblio” torneranno a riunirsi e incontrare la cittadinanza:

Sabato 22 gennaio, ore 18, Libreria Rinascita, Ascoli Piceno

Venerdì 11 febbraio, ore 21, Bartleby, Bologna

Cento poeti italiani contro la minaccia incostituzionale, per la resistenza della memoria repubblicana

A cura di Davide Nota e Fabio Orecchini

Illustrazioni e grafica a cura di Nicola Alessandrini e Valeria Colonnella

Testi di:

Francesco Accattoli, Annelisa Addolorato, Nadia Agustoni, Fabiano Alborghetti, Augusto Amabili, Viola Amarelli, Antonella Anedda, Gian Maria Annovi, Danni Antonello, Luca Ariano, Roberto Bacchetta, Martino Baldi, Nanni Balestrini, Maria Carla Baroni, Vittoria Bartolucci, Alberto Bellocchio, Luca Benassi, Alberto Bertoni, Gabriella Bianchi, Marco Bini, Brunella Bruschi, Franco Buffoni, Michele Caccamo, Maria Grazia Calandrone, Carlo Carabba, Nadia Cavalera, Enrico Cerquiglini, Antonino Contiliano, Beppe Costa, Andrea Cramarossa, Walter Cremonte, Maurizio Cucchi, Gianluca D’Andrea, Roberto Dall’Olio, Gianni D’Elia, Daniele De Angelis, Francesco De Girolamo, Vera Lùcia De Oliveira, Eugenio De Signoribus, Nino De Vita, Luigi Di Ruscio, Marco Di Salvatore, Alba Donati, Stefano Donno, Fabrizio Falconi, Matteo Fantuzzi, Anna Maria Farabbi, Angelo Ferrante, Loris Ferri, Fabio Franzin, Tiziano Fratus, Andrea Garbin, Davide Gariti, Massimo Gezzi, Maria Elisa Giocondo, Marco Giovenale, Mariangela Guatteri, Raimondo Iemma, Andrea Inglese, Giulia Laurenzi, Maria Lenti, Bianca Madeccia, Maria Grazia Maiorino, Francesca Mannocchi, Giulio Marzaioli, Emiliano Michelini, Guido Monti, Silvia Monti, Davide Morelli, Renata Morresi, Giovanni Nadiani, Davide Nota, Opiemme (laboratorio), Fabio Orecchini, Claudio Orlandi, Natalia Paci, Adriano Padua, Susanna Parigi, Fabio Giovanni Pasquarella, Giovanni Peli, Enrico Piergallini, Antonio Porta, Alessandro Raveggi, Rossella Renzi, Roberto Roversi, Lina Salvi, Stefano Sanchini, Flavio Santi, Lucilio Santoni, Giuliano Scabia, Francesco Scarabicchi, Alessandro Seri, Marco Simonelli, Enrico Maria Simoniello, Giancarlo Sissa, Luigi Socci, Alfredo Sorani, Pietro Spataro, Roberta Tarquini, Rossella Tempesta, Enrico Testa, Fabio Teti, Emiliano Tolve, Adam Vaccaro, Antonella Ventura, Lello Voce, Matteo Zattoni

Con una introduzione di Valerio Cuccaroni e un intervento di Luigi-Alberto Sanchi

Collana Argo, Cattedrale, Ancona, 2010 | Copyleft

ISBN: 978-88-95449-05-0

Hanno aderito a “Calpestare l’oblio”, finora:

i giornalisti e intellettuali: Angela Azzaro (Gli Altri), Leonardo Bonetti, Tonino Bucci (Liberazione), Donatella Coccoli (Left), Geraldina Colotti – Tommaso Di Francesco – Pietro Ingrao – Angelo Mastrandrea (il manifesto), Manuel Cohen, Furio Colombo (Il Fatto quotidiano), Enrico Ghezzi (Rai), Michele Arcangelo Firinu, Elio Matarazzo, Giovanna Nuvoletti (Rolling Stone), Simone Oggionni, Giancarlo Rossi (Rai Radio 1), Luigi Alberto Sanchi, Isabella Sandri, Pietro Spataro (l’Unità), Tommaso Ottonieri;

gli artisti: Nicola Alessandrini e Valeria Colonnella, Jakob De Chirico, Beppe e Isabella Gaudino (movimento dei lavoratori dello spettacolo MOVEM09);

le riviste, web-zine e blog: Absoluteville, Argo, Blanc de ta nuque, Bollettario, La Gru, Metromorfosi Infocritica, Micromega, Post it, Il primo amore, Versodove, Farepoesia, Poesia2puntozero;

le associazioni: Arci nazionale, Abrigliasciolta, Agave, Aidoru/Teatro Valdoca, Arcipelago scec, carovana dei versi, Casa dei pensieri, Donne dasud, Gasper Roma, Iodonna, Licenze poetiche, Meddletv, Milanocosa, Osservatorio nazionale amianto, Svolta a sinistra, Zuccherificio;

i collettivi universitari: Abbiamo fame di cultura, Ateneinrivolta, Collettivo Lettere Filosofia Firenze, Coordinamento K5, Romatre, Uniriot;

gli editori: Fara editore, Pellicanolibri, Polimata, Senzapatria, Zona;

i sindacati: Cgil

i politici: Danilo Borrelli (Giovani Comunisti), Stefania Brai (PRC), Matteo Orsini (PD), Nichi Vendola (SEL);

i poeti e scrittori: i co-autori di “Calpestare l’oblio. Cento poeti contro la minaccia incostituzionale, per la resistenza della memoria repubblicana” (Rosemary Liedl per Antonio Porta, Gioia Ghirga Ferrante per Angelo Ferrante) + Leonardo Bonetti, Dina Basso, Tiziana Cera Rosco, Massimiliano Chiamenti, David Colantoni, Azzurra D’Agostino, Sara Davidovics,Mariella de Santis, Marco Di Paquale, Chiara Daino, Alessandro Giammei, Mario Lunetta, Massimo Mori, Michele Ortore,  Tommaso Ottonieri, Luisa Pianzola, Christian Tito.

“Calpestare l’oblio” è a cura di:

Davide Nota – Rivista “La Gru” 327 6948405

Fabio Orecchini – Ass.Cult. “Beba do Samba” 339 6374741

Valerio Cuccaroni – Rivista “Argo” 335 1099665

8 Risposte a II Assemblea nazionale del movimento culturale “Calpestare l’oblio”

  1. FABIO ORECCHINI ha detto:

    anche POETARUM SILVA aderisce..

  2. Valerio ha detto:

    Aderiscono anche: Carovanadeiversi, Mariella de Santis (rivista Smerilliana), Impoetico mafioso (100 poeti contro la mafia), Massimo Mori (Firenze).

  3. alessandra ha detto:

    E allora aderisco anche io
    Non come poeta
    Ma come donna
    Disoccupata
    In cerca di prima occupazione
    Inattiva
    Come donna che vive sotto lo stesso tetto di un uomo
    E dei loro tre figli
    Ma è nulla
    Non decide non sceglie non scarica non percepisce
    Non compare
    scompare

    Come donna che vive sotto lo stesso tetto di un uomo
    Che non può richiedere un mutuo
    Perché il suo reddito è troppo basso
    Ed ha bisogno della firma di un genitore
    Per pagarsi la lavastoviglie

    Come donna che vive sotto lo stesso tetto di un uomo
    E dei loro tre figli
    Che si devono portare fazzoletti carta pennarelli
    Da casa a scuola

    Come donna che vive sotto lo stesso tetto di un uomo
    E dei loro tre figli
    Che hanno sei ore di religione
    Nel programma
    Di una pubblica scuola dell’infanzia

    Come donna che vive sotto lo stesso tetto di un uomo
    E dei loro tre figli
    Che non dormono di notte
    Perché l’angelo di dio li guarda

    Come donna che vive sotto lo stesso tetto di un uomo
    Che ha un’amica
    Con un contratto che scade sempre
    Come un barattolo di sugo pronto

    Come donna che vive sotto lo stesso tetto di un uomo
    Che ha un’amica
    Con un bambino di quaranta giorni
    Un marito sulla sedia rotelle
    E abita in 25 metri quadrati
    Senza riscaldamento
    Paga 250 euro al mese
    E qualche volta
    Ha pure fame

    Come donna che vive sotto lo stesso tetto di un uomo
    E guarda il documentario
    “il corpo delle donne” con sua madre
    e questa madre ad un certo punto gira la testa dice
    “però, non me ne ero mai accorta”

    Come donna che vive sotto lo stesso tetto di un uomo
    E dei loro tre figli
    E un giorno in quella casa arriva un bambino
    Avrà sì o no cinque anni
    Si guarda intorno con gli occhi grandi
    Mi prende l’orecchio
    Con un segreto importante
    “ehi, avete anche un libro, qui”

  4. Valerio ha detto:

    Il progetto aggiornato, con i punti fondamentali del progetto, tutti gli aderenti e la rassegna stampa: http://www.argonline.it/index.php?option=com_content&view=article&id=384&Itemid=170&ml=4&mlt=system&tmpl=component

  5. andrea inglese ha detto:

    Grazie Valerio

  6. Guido Ianni ha detto:

    Scusate il ritardo e le assenze…ma aderisco.

  7. Alessandro Cabianca ha detto:

    Aderisce il P.I.P (Pronto Intervento Poetico) di Padova, che parlerà di “Calpestare l’oblio” in occasione della IX Giornata Mondiale della Poesia che avrà luogo in Piazza Capitaniato a Padova il 3 aprile dalle ore 16.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *