Editoriale n° 5

Eppure

Silvia Ballestra

Eppure qualcosa si muove. Meno di cinque anni fa, accanto alle desolanti cifre sulla rappresentanza politica delle donne in Parlamento che ci vedeva in fondo alle classifiche mondiali, si notava l’assenza di donne anche nei ruoli chiave dell’economia e dell’informazione. Ora abbiamo un capo della Confindustria donna, una donna al vertice del maggiore sindacato italiano, una donna alla guida di un telegiornale della televisione pubblica, donne direttori di quotidiani. Cose mai viste. Però non s’erano nemmeno viste le donne usate come tangenti, sorta di benefit in aggiunta alle bustarelle, le candidature politiche elargite in cambio dei favori sessuali, le truppe di ragazzotte in transumanza su pulmini coi vetri oscurati dalle parti dei palazzi del potere o reclutate en masse per onorare al meglio un dittatore in viaggio d’affari. Leggi tutto “Editoriale n° 5”