Simone Pieranni

Avvengono miracoli. Se siamo disposti a chiamare miracoli quegli spasmodici trucchi di radianza, scriveva Sylvia Plath.

Nel nuovo universo web di Wired c’è spazio anche per la Cina, nel blog Made in China (http://daily.wired.it/blog/made_in_china), un’avventura editoriale che sviluppa un tentativo di dare seguito a quei piccoli trucchi di radianza cinese, per scovare quell’avanzamento civile di un paese spesso presente nelle cronache solo in negativo.
Con licenza Creative Commons, particolare decisamente importante nel panorama dell’informazione italiana, cercheremo di raccontare storie cinesi, con un occhio al web, alla tecnologia, all’ambiente, cercando di scrutare laddove è possibile segnali particolari, inusuali, coperti spesso da un’informazione a senso unico, in bianco e nero sul gigante asiatico. Naturalmente non si negheranno attenzioni alle ottusità del sistema cinese, ma proveremo ad andare oltre, cercando di dare una visuale, parziale data la grandezza del paese e la variegata possibilità di opinioni al riguardo, di quanto vediamo e osserviamo, captiamo e troviamo.

“Se uno ha il coraggio di farelo come vuole, fare giornalismo ha ancora senso. Oggi siamo ingozzati di notizie, ma tornerà a mancare la partecipazione di uno che va per conto suo portando i suoi occhi, ma guardando per te, delle realtà lontane. Oggi si ha l’impressione di capire tutto, perché c’è la televisione. Bisogna avere il coraggio di rinunciare a fare carriera nel senso classico, per fare un lavoro genuino di scoperta ed esplorazione. Rinunciando alla pretesa di essere obiettivo: non si è mai obiettivi.” (Tiziano Terzani)

Tagged with →  

Una Risposta a Made in China

  1. elisa ha detto:

    non è facile fare giornalismo in cina.Complimenti a Simone Pieranni che riesce con i suoi articoli a far conoscere anche a noi italiani un pò del mondo cinese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *