Stefano Chiodi

Come progetto per la XIV Biennale internazionale di Scultura di Carrara, Maurizio Cattelan aveva lanciato la scorsa  primavera la proposta-provocazione di sostituire temporaneamente il monumento a Giuseppe Mazzini nella piazza dell’Accademia di Belle Arti con uno a Bettino Craxi, utilizzando all’uopo una scultura in stile “nordcoreano” molto simile a quella già eretta nella vicina cittadina di Aulla qualche anno fa (oggi a sua volta riposta in attesa di essere venduta all’asta). Le immancabili e roventi polemiche e vari dinieghi ufficiali hanno fatto ripiegare l’artista verso una soluzione meno vistosa: un cenotafio collocato nel locale cimitero in cui appare un medaglione col profilo corrucciato di Craxi insieme a putti e angeli di repertorio.

*

*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *