[Diamo spazio ad alcuni interventi postati recentemente suPrecarieMenti, blog che si definisce “uno spazio dedicato a tutti i lavoratori precari che operano tra istruzione, ricerca ed editoria”. Come già messo in luce da articoli apparsi sul numero 1 di “Alfabeta2” e dalla discussione proseguita sul sito, la domanda sullo statuto odierno dell’intellettuale non può che prolungarsi nella domanda sul lavoro intellettuale diffuso e sulla sua condizione salariale e contrattuale precaria. Ed è proprio a questo tema che sarà dedicato il numero 2 della rivista, in uscita il 15 settembre. Sito web: “PrecarieMenti”]

La Redazione di PrecarieMenti

In questi giorni la creazione dell’Anvur, agenzia di valutazione della qualità della ricerca ha sollevato critiche serrate, specie in risposta ad un articolo comparso sul Corriere della Sera. Si discute in sostanza della possibilità di recuperare fondi per l’inserimento di una nuova generazione di ricercatori e docenti abbassando il pensionamento dei docenti universitari a 65 anni di età, equiparandolo quindi non solo all’età pensionabile in questo paese, ma all’età in cui in altri Paesi europei ed extraeuropei è chiesto ai docenti di lasciare il posto ai più giovani. Inoltre, un sistema di valutazione della ricerca che adotti criteri standard europei garantisce che il governo distribuisca i fondi in base ad una graduatoria creata sulla base di un criterio di produttività degli atenei e di qualità della ricerca ivi prodotta.
Continua a leggere qui.

Una Risposta a I professori Rüf dell’università italiana

  1. Anvur Cronaca ha detto:

    Nel caso della valutazione della ricerca in questi anni si è assistito ad un riduzionismo “spinto” che ha finito con il connotare in maniera diremmo quasi ossessiva l’intera discussione e il confronto politico come una questione di premi e punizioni delle varie Università. Ma nessuno, nel resto del mondo, imposterebbe il dibattito in questo modo…

    http://cronaca.anvur.it/2010/11/come-ti-vedo-e-rivedo-la-ricerca.html

    ac

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *