Francia. Nel momento in cui il presidente Sarkozy – messo in difficoltà da diversi scandali che toccano uomini del suo partito e del governo di destra – alimenta una campagna dai toni razzisti e bellicosi nei confronti degli stranieri e dei rom, considerati come una minaccia per la stabilità nazionale, Bernard-Henry Lévy, filosofo mediatico, inflazionato, e ultra-moderato, riesce comunque a scrivere su Le monde un articolo estremamente lucido e duro contro la politica presidenziale. Un articolo che difficilmente potremmo veder scaturire dalla penna dei moderati editorialisti del Corriere della sera.

Leggere per credere, dal sito di Le monde:

Les trois erreurs de Nicolas Sarkozy

Bernard-Henri Lévy

Le président de la République vient, à la faveur de la trêve estivale et de la torpeur qui va avec, de commettre, en huit jours, trois erreurs.

La première fut de convoquer, à l’Elysée, le 28 juillet, au lendemain des actes de délinquance graves dont Saint-Aignan (Loir-et-Cher) fut le théâtre, un “sommet” supposé “faire le point” sur “la situation des Roms et des gens du voyage”. Il n’est pas sûr, d’abord, que le palais de l’Elysée soit le bon endroit pour débattre de questions de délinquance.

Continua qui

Tagged with →  

8 Risposte a Sorprendente BHL sulla politica della “guerra civile”

  1. andrea raos ha detto:

    interessante.
    rispetto alla francia conforta, bene o male, assistere al ritorno in forza (questo sembra di capire dall’apparizione dell’articolo) della destra di de villepin (la destra “finiana”, per capirci).

    rispetto all’italia, proprio il tipo di destra che manca (o che si fa massacrare non appena tenta di formarsi, come proprio in queste settimane).

    quando questa destra esistera’ davvero, il “corriere” seguira’ a ruota, non temere. ma di certo inutile sperare in un ruolo trainante dei “pensatori” che ne scrivono i corsivi.

  2. ESC ha detto:

    Doveroso l’articolo di BHL, ma non capisco il stupore… Rispondo al commento precedente. BHL non c’entra politicamente niente con Villepin, a parte la pettinatura. Ma soprattuto Villepin non c’entra niente con Fini. E’ Sarkozy il modello di Fini, ma il primo sbraca perché deve sedurre l’estremità destra per governare il paese, mentre il secondo ti sembra migliore perché seduce l’estremità sinistra della destra per logorare il governo e guadagnarsi un posticino al sole da 5%.

  3. ESC ha detto:

    Non capisco “lo” stupore ovviamente. Colpa vostra che mi fate leggere articoli in francese e mi confondo con le lingue.

  4. ESC ha detto:

    Leggete qua: “MM. Villepin et Raffarin, entre autres, critiquent la politique gouvernementale envers les Roms. Une politique déjà en œuvre lorsqu’ils occupaient Matignon.” Certo Villepin é più bravo con le forme e meno buzzurro. Se la garbatezza non andasse di paio con un immobilismo nefasto, sarebbe sicuramente un passo in avanti, ma appunto raramente lo é.
    http://www.lemonde.fr/politique/article/2010/08/25/roms-villepin-raffarin-sarkozy-meme-combat_1402358_823448.html#ens_id=1389596

  5. andrea raos ha detto:

    Scusa ESC, ti leggo solo ora.

    Che davvero BHL non c’entri nulla con De Villepin, sarebbe da discutere. Ma di certo è da considerarsi, formalmente, di sinistra.

    Ciò non toglie che a sinistra candidati credibili alle presidenziali al momento non ce ne sono, mi pare. Quindi il suo articolo oggettivamente va ad appoggiare De Villepin (e questo BHL lo sa benissimo, credimi).

    Se poi quest’ultimo, non certo per naturale bontà d’animo ma per convenienze e calcoli elettorali suoi, decide di propugnare una politica meno delirante sulla “questione Rom” e simili, non esito a preferirlo a Sarkozy (il che comunque non significa che voterei per lui).

    *

    Se poco mi importa di De Villepin, figurati di Fini… Osservo solo che chiedersi se somigli di più a De Villepin o a Sarkozy mi sembra, al momento, pura accademia (il mio primo commento era frettoloso, su questo; ma voleva solo opporre una destra “europea”, “normale”, agli antropofagi oggi al potere in Italia).

    Mentre ritengo che sarebbe un bene anche per la sinistra se fosse possibile considerare Fini un avversario reale. Io spero che lo diventi.

  6. andrea raos ha detto:

    Dimenticavo: complimenti per il tuo blog, interessantissimo.

  7. Alcor ha detto:

    @ESC

    OT avevo postato un commento sul tuo blog (concordo con Andrea R.) ma non è uscito, colpa mia o sono moderati?

  8. ESC ha detto:

    @Alcor, c’é la moderazione automatica per i nuovi commentatori, ora dovrebbe essere online. @Andrea, grazie. La politica estremista di Sarkozy in materia d’immigrazione non piace a molti nella destra francese, ma non saprei dire se BHL faccia il gioco di Villepin o qualche altro suo gioco… Pero’ non capisco, se vuoi una destra europea perché non la voti? Oppure iscriviamoci tutti a Forza Italia e facciamo una destra europea. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *